sabato 12 luglio 2008

Sogno o son desta?

A volte i sogni si infrangono... e anche se realtà ci credo poco, in questo momento mi sento come se un sogno si fosse infranto. Come se la vita ci stia semplicemente dicendo che no no questa non è la strada giusta... ma poi mi domando: devo crederci? Crederci davvero che questa non sia la strada giusta? O che questo sia solo un modo della vita per darci il biglietto per un nuovo viaggio? Chissà? Nel frattempo annaspo, mi sento alla deriva e in un libro che sto leggendo ho trovato questo passo di Alice nel Paese delle Meraviglie:


"Micino del Cheshire " disse Alice "Per piacere, vuoi insegnarmi la strada per uscire di qui?".
"Ciò dipende da dove vuoi andare" risponde il Gatto.
"Non m'interessa il luogo..." disse Alice.
"Allora puoi scegliere la direzione che vuoi" continuò il Gatto.
"Basta che arrivi in qualche posto" aggiunse Alice come spiegazione.
"Sicuro che ci arriverai" disse il Gatto, "se cammini abbastanza".
E allora quanto camminerà Alice e in quale direzione, se non le interessa il luogo dove vuole arrivare? Moltissimo... annasperà... correrà... sarà in balia di un magico gioco di carte... ma la sua meta: qual'è? Chissà, forse il viaggio in sè probabilmente...
Vediamola così... ora mi sento bisognosa di avere delle risposte, di avere un "piano" a cui aggrapparmi, ma perchè poi? Quando dentro di me so benissimo che la vita sta semplicemente mettendoci alla prova, e che tutto ha un senso, anche quando questo si nasconde dietro l'insicurezza e l'ansia di dover lasciare una strada per prenderne un'altra... Anche se dentro di me so che il piacere del viaggio supera di gran lunga quello di essere arrivati alla meta... quale meta poi? Sì certo stare tranquilla per un po' piacerebbe anche a me... finora è sempre stato tutto un divenire costante ... a volte frenetico, lo ammetto... Ma la vita non è forse, in sè, un divenire costante? E vabbè... tirem in ans... (come direbbe la mia nonna Adele)




In un altro libro ho trovato queste frasi e leggendole trovo un po' di energia ...

Focussing on negatives will hold you
back from what could be
an exciting, fun-filled adventure
that
could give you
a sense of achievement and self-worth.

Go out and find
new challanges and new opportunities.

Extend yourself.

("Kites rise against the wind" by Charles Donogue)

Sì extend yourself!!! Beh vi lascio una chicca... andate a guardare questo e ditemi cosa ne pensate...

http://marinaskitchenspace.blogspot.com/

7 commenti:

Elisa ha detto...

mi son appesa il post in camera, in questi giorno ho bisogno di good vibes.

Un abbraccio

Anto ha detto...

Ed io sogno o son desta?capitare "per caso" davanti a questa splendida immagine e leggere,precise, le parole che tento di abbellire da ieri..con tutta la saggezza che so trovare?
Un saluto e tutti e..biglietto alla mano:pronte!

Wennycara ha detto...

ma... tò!
bellissima la marina's kitchen!
e i cantuccini poi... yum!

zazie ha detto...

Vedrai che troverete una strada bellissima, anche se magari costellata da qualche cappellaio matto e coniglio bianco isterico ;-))

a.o. ha detto...

Questo bloggare improvviso mi apre porte che restavano chiuse e mi fa conoscere persone che come me affrontano il dubbio, l'icertezza, la precarietà, ma anche tutta la forza che una giovane donna può avere dentro di sé. La forza di cambiare, la volontà di affrontare, il coraggio di partire e la capacità di sentire "il momento". Il momento in cui dire 'basta' o al contrario 'vado avanti'.
Questa capacità è la tua come la mia e di tutte noi ed io ho fiducia in essa e in ciò che riesce a realizzare,... non è forse merito suo anche il lieto fine di Alice?
a.o.

Mari ha detto...

ciao mari
non capisco cosa sta succedendo? Partite? Per dove? Ti auguro ogni bene. Fatti sentire

chemako ha detto...

State vivendo quello che sogno da sempre.
Un abbraccio